lunedì 28 giugno 2010

Far breton per una festa!


Le sagre e le feste di paese mi sono sempre piaciute, forse perchè sono cresciuta in un paese di provincia, circondato da campagne e paesini più piccoli che approfittano della bella stagione per organizzare feste a base dei prodotti tipici. Ricordo che c'è stato un anno, molto tempo fa, in cui io e la mia famiglia andavamo spesso a queste feste - che dalle nostre parti possono essere tranquillamente chiamate "la festa della zanzara" dal momento che tu esci e ti diverti, ma le zanzare si divertono più di te a punzecchiarti! -  e ad ogni lotteria mio fratello e mio padre vincevano qualcosa.... quello è stato l'anno in cui abbiamo portato a casa 3 mountain bike! L'idea della sagra, o Festa del Cavolo mi è quindi piaciuta subito, poi certo - non posso non dirlo - anche i premi hanno il loro appeal :-)

La ricetta che ho scelto di fare, anzi di copiare spudoratamente dal libro di Sigrid è stata quella del Far Breton. I motivi sono vari:
_  mi ha sempre incuriosita questo dolce dalla consistenza di flan, che io adoro!
_ vorrei tanto andare in Bretagna (motivazione condivisa da molti credo!);
_ nella sua presentazione a questa ricetta Sigrid ricorda le sue estati in Bretagna... ecco, io in questo momento ho un assoluto bisogno di vacanza, di mare, di un buon libro a tenermi compagnia sulla spiaggia!
Quindi ecco ciò che ho fatto una volta fatto raffreddare il mio far breton: ho tagliato una fetta, mi sono sdraiata sul divanetto in vimini del balcone, ho chiuso gli occhi, cercando di non far caso alla rumorosa Milano che mi circondava, ed ho immaginato di essere su una grandissima spiaggia selvaggia... Poi un boccone di far breton e una pagina di un buon libro!

Dato che la ricetta è abbastanza semplice ho provato ad illustrarla totalmente attraverso qualche foto... Si sa, purtroppo non sono quella che si può definire una brava fotografa, ma mi sono comunque divertita tantissimo a fotografare ogni passaggio - anche se alla fine mi sono accorta che il mio spirito da regista cinematografico mi ha abbandonata: in fase di montaggio mi sono resa conto di non aver proprio fotografato tutto! La prossima volta dovrò fare una sorta di storyboard?!
Divertimento nella preparazione con annesse foto + relax totale gustando il preparato!





13 commenti:

Simo ha detto...

Meraviglioso! Sai che non l'ho mai assaggiato...?
Ma mi fa una gola...
Anch'io abito alle porte di Milano...le feste della zanzara si svolgono regolarmente anche qua, eheheheheh!!!!!!
Buon inizio settimana

Edda ha detto...

Un servizio completo per un dolce intramontabile! E' vero che le sagre sono sempre allegrissime :-) Buon inizio settimana

Blueberry ha detto...

Ciao Gloria, ricetta e racconto davvero suggestivi...ci voleva una musichetta di onde in sottofondo quando hai assaggiato la tua fetta di Fan! ;D bacioni

Micaela ha detto...

ho anch'io il libro del cavolo e questa ricetta è nella mia lista! stupendo! un bacione.

Tepperella ha detto...

anche io adoro le sagre paesane, a venezia e dintorni ce ne sono parecchie e io ero sempre presente!! buono il Far Breton, ti è venuto benissimo!!!

Milena ha detto...

Simpatica l'idea del passo passo fotografico!!!!
Mi piacerebbe tanto assaggiarlo :))

terry ha detto...

Idem come tepperella... da brava veneziana anche io!:)
...il far breton mi ha sempre incuriosito ma mai provato!!! mi sembra delizioso il tuo, venuto benissimo!!!
brava!

fiOrdivanilla ha detto...

bellissima presentazione Gloria di questo Far Breton! Ne ho visto uno molto simile al tuo sul libro di Dolci Fatti in Casa di Laurence Laurendon e Gilles Laurendon (guido tommasi editore) e mi sembra pressoché identico! ti è venuto splendidamente..!
Sai mi ha sempre ispirato anche a me soprattutto per la sua consistenza! Mi incuriosisce tanto.. quindi dimmi, ma è morbido o molto molto sodo ? Più sodo di un clafoutis ?

Per quanto riguarda le motivazioni che ti hanno spinto a fare questo dolce, non posso che approvarle e sostenerle :) ho anche io tanta voglia di vacanza... e di Francia, soprattutto. Non tanto di mare, ho voglia di vacanza, punto. Voglia di sentirmi libera da ogni impegno mentale, libera da tutto e da tutti, e via (possibilmente) dai miei luoghi quotidiani, tra Milano e il paesello in cui vivo.

Un abbraccio...
e stasera ci conosciamo, non vedo l'ora :) ti ricorderai di me?? :)

Manuela

BreadandBreakfast ha detto...

deliziosa e soffice come una nuvola!bellissimo il passo passo, brava!!

Jasmine ha detto...

Gloria, ciao!!
(Ora mi verrà sempre in mente m'illumino di immenso e si sta come d'autunno sugli alberi le foglie... :D)
Son così felice che ci siamo viste di persona ieri!! Non vedo l'ora di replicare :)
A presto
Un abbraccio
Jasmine

giulia pignatelli ha detto...

whow!!!!! e non aggiungo altro ;)

Geillis ha detto...

Adoro la Bretagna, uno dei posti più belli al mondo, e sicuramente proverò questa ricetta perchè mi sembra morbidissima e umida, proprio come piace a me, brava ad averla fatta così bene

Gloria ha detto...

@Simo: anche tu vicino a Milano?conosci anche tu le sagre delle zanzare!Io ho scoperto una dipendenza dal far breton.. grazie per l'apprezzamento!
@Edda: grazie mille cara... è già venerdì quindi ricambio con un buon fine settimana!
@Blueberry: il sottofondo delle onde era presente nella mia testa :)
@Micaela: provalo, adoro la sua consistenza!
@Tepperella: Grazie cara, a proposito di feste paesane domani sera c'è una sorta di notte bianca al mio paesello, non vedo l'ora di andarci!
@Milena: sai che mi sono divertita molto a fotografare i vari step?sto pensando di ripetere l'esperienza in modo periodico, quando riesco a ritagliarmi un pò di tempo in più (e a non cucinare di notte!)
@Terry: Grazie!
@Manuela: confesso di non aver mai provato un clafoutis quindi non saprei fare un paragone, diciamo che è dipo un flan ma leggermente più sodo! é stato un piacere conoscerti l'altra sera!
@Breadandbreakfast: grazie mille!
@Jasmine: é stato bellissimo anche per me! A prestissimo!
@Giulia: Grazie ;)
@Geillis: grazie anche a te... sei stata in Bretagna?! Io vorrei tanto andarci prima o poi!

Posta un commento