martedì 11 maggio 2010

Risotto agli asparagi e salvia


Ormai siamo a maggio inoltrato, ma io ho sempre freddo... però ieri due notizie mi hanno scaldato il cuore! La prima non è proprio una vera notizia... Si sa, io sono un pollice grigio topo per quel che riguarda tutto ciò che è verde: amo le piante e i fiori ma nonostante l'impegno riesco sempre ad ucciderli! Ieri però ho visto i primi fiori del mio gelsomino in balcone e mi sono emozionata! Per tutto l'inverno abbiamo pensato che il povero gelsomino fosse morto e invece lui ci ha sopresi. Ecco, quei fiorellini profumati mi hanno convinta che in fondo, nonostante il freddo e i miei calzettoni termici che ancora uso la notte, la primavera c'è - non ho capito dove, però lei c'è!
L'altra notizia invece è una bellissima notizia che ha forgiato un sorriso pieno sul mio viso, ovvero la visita di un'amica lontana e speciale che non incontro da 6 anni e che ad agosto verrà in Italia... Io già non sto più nella pelle! Aspettando Nikki e anche il raggio di sole che questa notizia mi ha fatto intravedere, ripiombo in questo freddo grigiore milanese. 
Nonostante la voglia di zuppette calde di ogni tipo non riesco a fare a meno degli asparagi: li ho aspettati con ansia per troppo tempo e questa finta primavera non riuscirà a farmi rinunciare a loro! Quando non si mangiano zuppe o udon caldi e piccanti quindi tocca a loro, protagonisti indiscussi del mio frigorifero nelle ultime settimane e anche dei miei risotti!

Ingredienti:
180 g di riso carnaroli
200 g di asparagi
5 foglie di salvia
acqua bollente salata
due noci di burro da centrifuga
mezza cipolla
un bicchiere di vino bianco
 
Pulire gli asparagi sotto l'acqua eliminando la parte bianca e legnosa; tagliare le punte e poi la parte più tenera del gambo a rondelle. Tritare la cipolla e farla rosolare con una noce di burro, unire gli asparagi e far insaporire per un paio di minuti; Versare poi il riso e farlo tostare, aggiungere in seguito il vino e farlo sfumare; quando sarà evaporato unire poco alla volta l'acqua bollente già salata  - o del brodo vegetale se si preferisce - mescolando solo di tanto in tanto in modo da non fare asciugare il riso durante la cottura.  A cinque minuti da fine cottura aggiungere le foglie di salvia pulite e tritate e in ultimo far mantecare con una noce di burro.

6 commenti:

Jasmine ha detto...

In questi giorni fa un freddo qui a Milano... non mi stupisce che ti sia data ai risotti! :)
By the way, complimenti per il gelsomino: è il mio fiore preferito e vedrai che profumo quando sbocciano i fiorellini!
Buona giornata!
J.

Micaela ha detto...

che buono... sembra leggerissimo e gustoso!

paolo ha detto...

bello fresco ottimo risotto

Lory ha detto...

E invece pensa un pò,io e le piante proprio..eppure meno le guardo è più loro..Ho un ficus che arriva al soffitto e continua a crescere,tanto lo so lui mi odia perciò lo fa apposta ;-)
Anch'io nonostante faccia freddino non ho voglia di cose invernali,ma qui in casa decisamente si,oggi polenta e coniglio..;-)
Felice per te per l'arrivo della cara amica,mi accomodo e me ne prendo un piatto vuoi? ;-))

Milena ha detto...

L'abbinamento con la salvia non l'ho mai provato ....

alessandra caprini ha detto...

bel nome il blog.
bella ricetta.
bel blog!

ciao.
ale

Posta un commento