lunedì 8 novembre 2010

Pizzoccheri's crumble, più o meno


Le mie settimane avanzano tra mille dubbi, cattive notizie e nessun riconoscimento di merito, e a volte l'entusiasmo cala bruscamente per motivi inaspettati. Ultimamente una sorta di pessimismo universale accompagna le mie giornate... Per fortuna che c'è la cucina che mi solleva. Cucinare, amalgamare ingredienti, mettere le "mani in pasta" e sentire i vari profumi che di volta in volta escono dal mio forno per me è una fantastica terapia di benessere (forse per la mia pancia e i miei fianchi non è la stessa cosa, ma non mi interessa!). Quindi approfitto di questa fonte personale di benessere finchè posso, dato che dopo Natale starò senza cucina e possibilità di cucinare per alcuni mesi!
Ho scoperto di amare alla follia i crumble in ogni loro declinazione, quindi appena ne ho la possibilità ne preparo uno. Questo è l'ultimo nato, una sorta di rivisitazione dei classici pizzocheri valtellinesi di cui ultimamente ho tanta voglia. Posso dire che in casa è stato molto apprezzato?!

Ingredienti (per 3 pirofile piccole o una grande):
mezza verza
5 patate
200 g di formaggio casera
60 g di farina di grano saraceno
60 g di farina 00
80 g di burro
sale

Pulire la verza e tagliarla a listarelle, eliminare la buccia delle patate e tagliarle a cubetti regolari; cuocere verza a patate in una pentola d'acqua salata finchè saranno tenere - nel mio caso sono serviti circa 30 minuti - quindi scolarle bene.
Preparare le briciole mescolando con la punta delle dita le farine, il burro tagliato a pezzi e del sale fino a ottnere delle briciole più o meno grandi (a piacere si può aggiungere anche del parmigiano grattuggiato). 
In una pirofila creare uno strato di verza e patate, aggiungere il casera tagliato a piccoli pezzi e coprire quindi con le briciole ottenute; cuocere in forno già caldo a 180° per circa 30 minuti o finchè la superficie sarà dorata. Servire caldo o tiepido.

6 commenti:

Lucrezia Giacomini ha detto...

Ottimo aspetto questo crumble! Forza Gloria
! Grande ritorno ;)

UnaZebrApois ha detto...

questa è una vera e propria genialata!!!La terrò a mente per il pacco di pizzoccheri che mi attendono in credenza!!!

terry ha detto...

Tesoro spero sto periodo grigio passi velocemente! posso solo dirti che ti capisco!!! a volte sembra che "piova" sempre...e non solo acqua! ;)
sto crumble è tutto da provare, li amo anche io anche se non li ho mai provati salati!!! :)
brava!
ti abbraccio forte!

Gloria ha detto...

@ LucreSia: sai che ti voglio bene, vero?!
@ UnaZebrApois: grazie! In realtà non ci sono i veri pizzoccheri, è una mia liberissima interpretazione:-)
@ Terry: grazie mille! Il periodo grigio mi sta facendo ritardare anche l'invio del tuo pacco... sono tremenda!In settimana però dovrei riuscire a concludere! ricambio l'abbraccio

silvia ha detto...

questa zuppa di non pizzoccheri mi intriga assai e nel cassetto in basso c'è la verza che aspetta. non conosco però il formaggio casera, son "gnorante" posso sostituirlo con? fontina? avrei anche del raclette...

Gloria ha detto...

@ Silvia: mi ero persa il tuo commento! Il casera è un tipico formaggio valtellinese, puoi sostituirlo con il bitto secondo me, ma anche con la fontina non deve essere male!

Posta un commento