venerdì 30 luglio 2010

Arrosto di tacchino con pomodori secchi, mandorle e basilico


Mancano ancora una decina di giorni alle mie tanto sospirate vacanze, e pian piano sto iniziando a svuotare il freezer... Ho iniziato ieri dalla fesa di tacchino.
Mi piaceva l'idea di riempirla con qualcosa di saporito ed estivo allo stesso tempo... nel mio immaginario i pomodori  - freschi e secchi - sono il simbolo dell'estate, così come il basilico: ecco trovato il mio ripieno ideale!

Ingredienti:
una fesa di tacchino da circa 1 kg
200 g di pomodori secchi sott'olio
una decina di foglie di basilico
130 g di mandorle con la pelle
olio extravergine d'oliva
sale
aceto di pinot nero (o vino)

Tritare piuttosto finemente i pomodori secchi con il basilico lavato e le mandorle, regolando di sale se necessario (io non l'ho fatto) e aggiungendo qualche cucchiaio di olio. 
Con un coltello affilato aprire a libro la fesa di tacchino, in modo da avere un'unica fetta di circa 1,5 cm di spessore e spalmarvi in superficie il trito di pomodori e mandorle (forse ne avanzerà... io ci ho condito la pasta!); arrotolare la fesa su se stessa e chiuderla bene con uno spago - passaggio che ancora mi crea qualche problema! - quindi massaggiarla con un pò di sale.
In una padella dai bordi alti - io ne ho usata una in ghisa - far scaldare dell'olio con uno spicchio d'aglio, che poi verrà eliminato, e far rosolare la fesa di tacchino girandola su tutti i lati; sfumare quindi con un pò di aceto di pinot nero per qualche minuto e continuare la cottura con coperchio per almeno 45 minuti a fiamma dolce, girando di tanto in tanto l'arrosto e controllando che il fondo di cottura non si asciughi: A cottura ultimata far raffreddare l'arrosto prima di tagliarlo e servirlo freddo - o anche appena scaldato se si preferisce - con un pò del suo fondo di cottura.

8 commenti:

Serena ha detto...

Anch'io massaggio la carne per renderla piu' morbida e far penetrare gli aromi...ihihi...pensavo di essere l'unica psicopatica!!!
Buonissima qst ricetta, te la ricopio all'istante!!

Simo ha detto...

Ricetta fantastica, ricca di sapore...me la segno, il tacchino è sempre così sciapo...grazie!!!!!!

Milena ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Milena ha detto...

Mi hai dato un'idea fantastica!!!!
Quanto al gelsomino, se posso, ti suggerisco una distinzione interessante tra gelsomino e "falso" gelsomino (o rincospermo) che trovi in questo post (qui) e che rinvia ad una precisazione di Enza ....

Gloria ha detto...

@ Serena: pensa che a me rilassa pure massaggiare la carne! forse ho qualche problema...
@ Simo: Grazie!
@ Milena: vado a leggere il post, grazie mille!

Gloria ha detto...

@ Milena: grazie mille per la precisazione, per fortuna nel mio gelo ho usato i fiori di gelsomino secchi commestibili! Aggiorno il mio posto linkando al tuo, posso?
ps: quando sarò nella mia nuova casetta cercherò il gelsomino siciliano per il mio balcone!

terry ha detto...

ecco come arricchire e dare gusto al tacchino... ottimo ripieno...tutti gusti che amo!
bravissima!

terry ha detto...

Ciao tesoro... se ti interessa l'erba cedrina...ne avevo parlato qui... ti piacerebbe!:) bacioniiiiiiii

Posta un commento